Messina

Prenota

Arrivo

Notti

Adulti

Capo Peloro

La punta di Capo Peloro è l’estremità nord-orientale della Sicilia, facilmente individuabile grazie alla presenza di un gigantesco traliccio in acciaio di oltre 200 m. di altezza, ora in disuso ma che fino agli anni Novanta serviva a condurre l’energia elettrica all’isola.
Adesso la struttura è un punto di riferimento per chi naviga nello Stretto; alle sue spalle c’è la cosiddetta Torre degli Inglesi: cinquecentesca, a tronco di cono e circondata da un fortilizio, fu sede di un avamposto britannico nel XIX secolo, all’epoca dell’invasione inglese.

Dal 2001 ospita il Parco Horcynus Orca, una fondazione a partecipazione mista che ha promosso una campagna di scavo nella zona a ridosso della torre; gli archeologi hanno potuto individuare il basamento di un faro di età romana e alcune cisterne, i reperti rinvenuti sono stati esposti nell’ex fortino, visitabile su prenotazione.

La riserva naturale è stata istituita allo scopo di salvaguardare l’area lagunare di Capo Peloro, ma le iniziative di tutela e valorizzazione coinvolgono l’intero Stretto che è considerato un grande laboratorio naturalistico.
I continui riflussi delle acque dei due mari non solo ripuliscono l’ambiente marino conferendogli costantemente trasparenza, ma hanno favorito un ecosistema ricco e particolarissimo, meta di transito per specie migratorie marine, come il tonno, l’aguglia, il pescespada.
Da segnalare anche il passaggio in queste acque di mante, balenottere, capodogli e squali.
Di millenaria tradizione, la pesca del pescespada fa parte a pieno titolo dello scenario dello Stretto: le feluche, le imbarcazioni utilizzate per la cattura, presentano una lunghissima prua e un’alta antenna centrale dalla cui sommità le vedette avvistano le prede e le segnalano al fiocinatore sulla punta estrema della prua.
Molto tempo è trascorso dalle descrizioni di Omero, Polibio e Strabone e le feluche sono oggi provviste di motore, ma la caccia al pescespada conserva quel carattere di sfida tra l’uomo e la natura.
Messina

Messina

Nonostante il vivace dinamismo, tipico delle città portuali, Messina è in grado di sorprendere i visitatori con i suoi tesori d’arte nascosti nelle chiese e nei ...

Leggi tutto
Ganzirri

Ganzirri

Ganzirri (in messinese detto anche Canziri) è una frazione del comune di Messina, che si trova a nord della città, a circa 13 chilometri dal centro cittadino. Nel comprens...

Leggi tutto
Capo Peloro

Capo Peloro

La punta di Capo Peloro è l’estremità nord-orientale della Sicilia, facilmente individuabile grazie alla presenza di un gigantesco traliccio in acciaio di oltre 200 m....

Leggi tutto
Torre Faro

Torre Faro

La località di Torre del Faro, a poco più di 6 miglia a nord di Messina, in prossimità di Capo Peloro, si è sviluppata attorno alla chiesa della ...

Leggi tutto

.

Link Utili